“Urla disumane e un grande tonfo”. Choc al cimitero – IL VIDEO – Caffeina


“Urla disumane e un grande tonfo”. Choc al cimitero: porta i fiori sulla tomba del marito e sente degli strani rumori provenire dal tumulo vicino. Ma non si scompone: è convinta che siano i ragazzini che vogliono spaventarla. Ma la verità è un’altra. Inammissibile, terrificante, non vi farà più chiudere occhio. Angoscia pura


Una donna è stata sepolta viva per sbaglio ed è rimasta cosciente per 11 giorni nella bara. Poi ha lottato per trovare il modo per liberarsi da quell’orrore. È successo in Brasile a Rosangela Almeida, di 37 anni, che ha passato giorni interminabili all’interno della bara nel disperato tentativo di liberarsi dopo essere stata sepolta viva. Poi, i custodi dell’ospedale hanno iniziato a sentire delle urla provenire dalla tomba così hanno subito contattato i familiari della donna che sono subito accorsi per disseppellire la bara. Ma la donna, quando la bara è stata aperta, era già morta. Nel cimitero di Riachao das Neves, nel momento in cui la bara è stata tolta dalla tomba e aperta, c’è stato un momento di grande emozione. Tutti fino all’ultimo hanno sperato che la donna fosse ancora viva. Ma ormai era tardi. Per sicurezza è stata chiamata anche un’ambulanza che, però, non ha potuto fare altro che confermare che la donna era morta. La donna è stata seppellita di nuovo il giorno seguente. Ma come è possibile che sia accaduta una cosa simile? Non si sa. Si sa però che a smuovere la situazione sono state delle persone che abitano nei pressi del cimitero. Continua a leggere dopo la fotoDopo aver sentito urla e tonfi provenire da quella tomba, hanno allertato i custodi i quali, a loro volta, hanno contattato i familiari della donna che sono intervenuti subito. Quando la bara è stata aperta, lo choc: il corpo, che era ancora caldo, riportava numerose ferite, quelle che la donna si era procurata mentre cercava invano di uscire dalla bara. Dentro la bara c’era sangue e c’erano numerose unghiate: la donna le aveva provate tutte pur di uscire da quell’inferno. Ma non è servito a niente. La donna era stata ricoverata in ospedale per due attacchi cardiaci, poi era stata dichiarata morta. Ma la sua morte era “finta” eppure lei è stata seppellita. La vera causa della morte, mentre era nella bara, è stato uno choc settico. Continua a leggere dopo le foto

La donna, che era sposata ma non aveva figli, soffriva di svenimenti da quando era una bambina, per questo prendeva dei farmaci specifici. All’ennesimo svenimento, c’era stato un attacco di cuore e i familiari le avevano detto addio per sempre. Solo che la donna non era morta. Ma, quando i familiari lo hanno scoperto, era tardi. “Camminavo per il cimitero e ho sentito delle urla disumane e un grande tonfo – ha detto una donna che era al cimitero – credevo fossero dei bambini che mi prendevano in giro. Poi ho sentito dei gemiti e ho capito che non era uno scherzo”. La famiglia non può credere che la donna sia stata dichiarata morta per errore. Ora indaga anche la polizia che vuole andare a fondo e capire cosa sia veramente successo.

To Top