Si siede sull’autobus e rimane scioccata quando guarda la testa della donna che ha di fronte… Brividi (e nausea) – Caffeina


”Ma è uno schifo!”. Si siede sull’autobus e si guarda intorno poi si sofferma a guardare la testa della donna che ha di fronte e… Non ci sono parole. Abbiamo la nausea


Una mattina come tante questo uomo sale sul bus per andare a lavorare (presumibilmente). È ancora un po’ rintronato e assonnato e si siede con l’intenzione di riprendere coscienza prima di affrontare una nuova giornata. Ma, appena si siede e guarda la persona che ha di fronte, si sente quasi svenire. Il motivo? È ripugnante. Davvero ripugnante. Talmente ripugnante che vi farà venire gli incubi e, immediatamente, sentirete prurito alla testa. Esagerati? Non credo. Comunque, torniamo all’uomo sul bus. Seduto davanti a lui c’è una donna dai capelli scuri, legati. E abitati. Già perché l’uomo vede che sulla testa della donna ci sono degli animaletti che camminano. Probabilmente pidocchi. Così, preso da un momento trash (questo è solo il nostro punto di vista), decide di filmare lo spettacolo raccapricciante e poi di pubblicarlo in rete. Anche se il video è davvero disgustoso, sono in tanti a guardarlo. A quanto pare, il video in questione è stato girato in Messico: i capelli della donna, raccolti in una cipolla, sembrano davvero sporchi. Da quanto tempo non li laverà? A giudicare dai pidocchi che ha in testa, davvero tanto. Continua a leggere dopo la foto

 

 

Deve essere stato rivoltante, per quell’uomo del quale non conosciamo l’identità, trovarsi di fronte a quello spettacolo atroce. I pidocchi sono piccoli insetti che infestano il cuoio capelluto. Calore, umidità e buio li fanno riprodurre più velocemente. Il primo sintomo della presenza dei pidocchi? Il prurito insopportabile. Dove si concentrano? In particolare su nuca, parte superiore del collo e dietro le orecchie. E come si prendono? Col contatto diretto con persone che li hanno. O anche toccando i loro vestiti. Sono molto frequenti:
dai 6 ai 12 milioni di bambini tra i 4 e gli 11 anni ne vengono colpiti ogni anno. Sulla cute i pidocchi possono vivere anche 30 giorni, mentre muoiono poco dopo essere stati rimossi perché non hanno nutrimento. Continua a leggere dopo le foto

 

 

Come si riconoscono le uova dei pidocchi, chiamate lendini? Assomigliano a granelli di forfora e grazie all’azione di una sostanza adesiva che secernono sono difficili da rimuovere. Si schiudono nel giro di una settimana. Come si prevengono? l modo più sicuro per prevenire l’infestazione da pidocchi è di osservare giornalmente lo stato del cuoio capelluto, nel caso si dovesse riscontrare la presenza di lendini, esse devono essere sfilate immediatamente. Come? Manualmente o con un pettine fitto bagnato di aceto caldo. L’aceto, grazie al suo ph acido, scioglie la sostanza adesiva che fissa le lendini al capello.

To Top