“Oggi vivo così”. Gemelline scomparse, la (coraggiosa) nuova vita della mamma Irina Lucidi – Caffeina


“Incinta! Evviva!!”. Comunica la notizia al marito e volano al settimo cielo. Ma alla prima ecografia giunge la tragica notizia: “Guardi cosa c’è nella sua pancia… deve abortire”. Ma lei non ci sta e va avanti. Poi arriva il giorno del parto e quello che esce fuori sconvolge tutti


Chelsea e Nick torres sono una giovane coppia di Blackfoot, nell’Idaho (Usa) e desideravano moltissimo avere un bambino. Inizialmente la 22enne aveva qualche difficoltà a restare incinta, ma alla fine finalmente ha mostrato il test di gravidanza al suo amore e il loro abbraccio di felicità è stato lungo e pieno di felicità. Poi hanno scoperto che il bebè non era solo e un misto di paura e trepidazione li ha colti. Un’emozione grandissima che, però, molto presto si è trasformata in apprensione. Infatti, da subito la gestazione si è presentata in modo molto complicato e appena all’undicesima settimana le era stato consigliato di abortire. Infatti, Chelsea portava in grembo due gemelle siamesi e il modo in cui le piccole erano collegate aveva fatto pensare ai medici che le bimbe erano spacciate. Dopo un primo momento di grandissimo sconforto la coppia ha deciso di andare contro tutto e tutti e hanno voluto portare avanti la gravidanza. Così alla 37esima settimana Callie e Carter sono venute al mondo. Le neonate pesavano due chili ognuna, erano sane e per loro non è stato previsto alcun intervento di separazione. Tra il 40 e il 60 per cento di tutti i gemelli siamesi non superano il parto, con poco più di un terzo che sopravvivono meno di un giorno, secondo i dati dell’Università del Maryland. (continua dopo la foto)
Callie e Carter sono gemelle di tipo omfalo-ischiopagus, che costituiscono meno del 5 per cento dei gemelli siamesi. Questo significa che hanno solo due gambe e un bacino in comune, ma ognuna di loro ha organi vitali indipendenti. “Sono stata estremamente ansiosa per tutta la mia gravidanza”, ha raccontato Chelsea Torres, spiegando che sono state settimane davvero complesse, ma che adesso è contenta di aver deciso di non abortire, che se l’aspettava che le creature che portava in grembo non sarebbero morte e infine di aver fatto bene a fidarsi di sé stessa, tenendo le gemelline. “Mio marito e io siamo molto contenti”, ha detto la mamma, che ha scoperto di essere incinta di due siamesi alla prima ecografia. (continua dopo le foto)Nonostante le sia stato detto che le possibilità di sopravvivenza dei bambini erano minime, Chelsea Torres e il marito hanno deciso di continuare con la gravidanza. Le bimbe hanno circa un anno e hanno festeggiato il loro primo Natale. Per Callie e Carter non ci saranno operazioni di separazione, la giovane mamma ha spiegato: “I medici dicono che le bimbe sono in perfetta salute, non raccomandano la separazione. Separare i gemelli siamesi è una procedura rischiosa e spesso comporta la morte di almeno uno degli individui. Le complicazioni potenziali includono coaguli di sangue, infezioni e problemi cardiaci”.

To Top