Incidente ferroviario, drammatico il bilancio: 7 morti e 46 feriti. 3 gravissimi – IL VIDEO – Caffeina


Incidente ferroviario, drammatico il bilancio: 7 morti e 46 feriti. 3 gravissimi


Drammatico incidente ferroviario questa mattina. Erano da poco passate le 5.30 (le 6.30 in Italia) quando, per cause ancora da accertare, un treno dell’alta velocità si è schiantato contro una locomotiva che stava effettuando la manutenzione sullo stesso binario. Terribile il bilancio, purtroppo ancora provvisorio, che parla di 7 morti e 46 feriti di cui 3 sarebbero in gravissime condizioni. I soccorsi sono all’opera. L’incidente ferroviario si è verificato su un convoglio che procedeva in direzione di Konya, nella parte centrale del Paese.

Il governatore di Ankara Vasip Sahin, intervenuto ai microfoni dei giornalisti ha spiegato che la dinamica dell’incidente ferroviario è ancora tutta da chiarire e che si augura il bilancio delle vittime possa non aumentare. La procura di Ankara ha aperto un’inchiesta. (Continua dopo la foto)

C’è un trend contrastante che emerge dai dati forniti da Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea. Gli incidenti ferroviari sono aumentati del 5,1 per cento. Dai numeri ufficiali emerge che gli Stati principalmente interessati in Europa da incidenti ferroviari sono quattro: Polonia, Germania, Ungheria e Romania. In particolare, si tratta degli Stati membri che hanno contribuito in misura maggiore a far salire il numero di morti provocati da incidenti ferroviari. (Continua dopo la foto)

Stando alle cifre fornite dall’Eurostat, nello stesso anno di riferimento si contano 202 morti in Ungheria, 225 in Romania, 302 in Germania e 309 in Polonia. Dato che scende vertiginosamente se si guarda al Montenegro (6 morti), alla Norvegia (5 morti), all’Irlanda (2 morti), al Lussemburgo e al Liechtenstein (0 morti). L’Italia, invece, si colloca all’incirca a metà strada, con 113 vittime e 132 incidenti. Guardando alla Francia, poi, i numeri tornano a salire: 14o vittime e 177 incidenti. (Continua dopo la foto)

E’ pur vero che valutare il numero di vittime causate da incidenti ferroviari implica necessariamente rapportare i dati alla performance del traffico ferroviario, espressa in passeggeri per kilometro e tonnellate per kilometro. Nell’Unione europea si registra un rapporto dello 0.9 tra numero di persone coinvolte (morte o ferite) e incidenti ferroviari. Analizzando la relazione che intercorre tra performance del traffico ferroviario e sicurezza, prendendo in considerazione il numero di passeggeri morti per kilometro, Bulgaria e Ungheria conquistano il podio, con numeri dieci volte più alti rispetto al trend generale europeo.

Ti potrebbe anche interessare: Nadia Toffa e la morte. Quel che fa sapere la giornalista fa gelare il sangue – IL VIDEO

 

To Top