“È svenuto, oddio!”. Sanremo, momento di panico tra il pubblico dell’Ariston – IL VIDEO – Caffeina


“È svenuto, oddio!”. Sanremo, momento di panico tra il pubblico dell’Ariston. Il vip si accascia in diretta, proprio davanti al palco. Ma quando si scopre tutto, il popolo della rete è compatto e senza pietà: cosa è successo davvero al Festival


Sanremo 2018, terza serata di Festival e ancora sorprese, ospiti bomba e gag. L’appuntamento centrale della kermesse che, a giudicare dai dati d’ascolti, se la cava alla grande, inizia in modo ‘rockeggiante’, con Claudio Baglioni munito di chitarra elettrica che canta Via. E poi annuncia, mentre entrano in scena anche Pierfrancesco Favino e Michelle Hunziker tutta Trussardi vestita e coi capelli raccolti: “Dichiaro aperta la terza serata del Festival di Sanremo”. La prima ospite è la straordinaria Virginia Raffaele, che finge un’improvvisata. Si alza dalla platea e dice, prima di raggiungere Baglioni sul palco: “Speravo di starmene lì tranquilla a fianco del direttore generale… Finite alle 2 di notte, mi sarei addormentata tra le braccia di Orfeo”. Seguono uno sketch con il direttore artistico – “Sei la storia del Novecento. La tua prima fidanzata è quella che balla con Lo Stato Sociale… e da Mediaset ti hanno mandato la badante svizzera (Michelle Hunziker, ndr)” – l’imitazione della Hunziker – “Siete meravigliosi, fantastici, Tomaso mi manca, sono 20 minuti che non lo vedo” – e il duetto con Baglioni in Canto anche se sono stonata, omaggio a Lelio Luttazzi e Mina. Ma per convincerla, Baglioni le fa il verso nella sua imitazione di Belen Rodriguez: pubblico in delirio. (Continua dopo la foto)Ancora un momento altissimo della terza serata con l’arrivo sul palco dell’Ariston di James Taylor, uno degli artisti che, con più di 100 milioni di dischi in tutto il mondo, ha venduto di più nella storia della musica. Dapprima omaggia la musica italiana con una sua personale versione de La donna è mobile, poi è il momento della classica Fire & Rain e, infine, il duetto magico con Giorgia con ‘You’ve got a friend’. Si parlava anche di gag, in apertura. Gag che parte dalla prima fila della platea, con Memo Remigi che simula un malore dopo aver eseguito il ritornello di ‘Io ti darò di più’ per introdurre lo sketch del vulcanico Nino Frassica. Siparietto che, però, il popolo di Twitter ha bocciato. (Continua dopo le foto)

Anche perché sembrava uno svenimento vero quello di Remigi, che festeggia i 54 anni di carriera. Pochissimi utenti, infatti, hanno trovato divertente il finto malore del cantante (e compositore, e conduttore radiofonico e televisivo 79enne) che si è accasciato in platea. Molti hanno quindi scritto come l’idea fosse di “pessimo gusto” mentre altri hanno rivelato di non aver compreso che si trattasse di uno scherzo. “Che paura, ho pensato che Remigi avesse avuto per davvero un malore”. Alla fine, però, ci ha pensato Nino Frassica, in veste di Maresciallo Cecchini di Don Matteo a far ritrovare il sorriso: ‘Questo è un 47, morto che parla’. Il “carabiniere”, infatti, ha fatto irruzione al teatro Ariston proprio per indagare sulla misteriosa “morte” di Memo Remigi.

To Top