“È morto in diretta”. Video choc diffuso in rete: era famoso in tutto il mondo – Caffeina


“È morto in diretta”. Video choc diffuso in rete: le immagini mostrano il ragazzo mentre si arrampica proprio lì per farsi un selfie, ma perde la presa e precipita. Era famoso in tutto il mondo


Era diventato un mito, pericoloso certo, ma pur sempre un mito. Perché le sue imprese spericolate avevano fatto il giro del mondo suscitando stupore e paura ogni volta. Si arrampicava sui grattacieli di mezzo mondo, poi faceva un selfie e lo postava sui social. In pochi minuti i like e le condivisioni raggiungevano numeri pazzeschi. Ma le sue imprese, appunto, erano molto pericolose. Ed è così che infatti è morto: facendo ciò che gli piaceva di più. È precipitato da un grattacielo ed è morto a soli 26 anni. Trovato privo di vita ai piedi di un grattacielo: Wang Yong Ning aveva 26 anni ed era noto per le sue imprese ad alta quota. Sui social cinesi era noto per i suoi video rischiosi, in cui saltava tra i grattacieli senza protezioni, sui quali si arrampicava rischiando ogni volta la vita. Questa volta non ce l’ha fatta. Mentre si filmava per un video da postare in rete, il giovane è caduto e non è riuscito a sopravvivere all’impatto. (Continua a leggere dopo la foto)

Il suo unico scopo era il brivido, i like sui social e le condivisioni. Da oltre un mese il giovane non postava in rete video o foto e questo aveva fatto pensare il peggio ai suoi fan. In questi giorni, purtroppo, è arrivata la conferma: è stato messo in rete un video in cui si mostra Wang mentre prova a salire un muro sospeso in aria senza nessuna protezione o appiglio. Il giovane prova a far forza sulle sue braccia, ma perde la presa e si lascia andare, cadendo nel vuoto. La caduta è avvenuta poco dopo aver postato il suo ultimo video. (Continua a leggere dopo le foto)

Viki Odintcova, è un’altra modella russa diventata popolare in rete proprio per aver realizzato il selfie più adrenalinico di sempre. Tempo fa si era fatta fotografare mentre penzonalava sospesa nel vuoto da un grattacielo di 75 piani a Dubai. Un selfie sopra la Cayan Tower con una vista mozzafiato per il quale aveva messo in pericolo la vita. Per questo motivo la società Cayan Group, che possiede l’edificio, aveva annunciato di farle causa per aver infranto le norme di sicurezza. La Odintcova non solo ribatte alle accuse ma avanza la richiesta di ricompensa da parte dei proprietari del grattacielo. In ogni caso, è bene evitare certe imprese e pubblicizzarle, non si sa mai che qualcuno provi a emulare e ci perda la vita.

To Top