Alessio e Giuseppe, 19 e 18 anni: due vite spezzate in un incidente tremendo – IL VIDEO – Caffeina


Alessio e Giuseppe, 19 e 18 anni: due vite spezzate in un incidente tremendo


Diciotto anni uno, diciannove l’altro. Tragedia in Calabria, nel Catanzarese, dove due giovanissimi hanno perso la vita in un tremendo incidente stradale avvenuto la notte di mercoledì, 19 dicembre 2018, sulla Statale 106, nei pressi del comune di Simeri Crichi. La dinamica dello schianto in cui Alessio e Giuseppe hanno trovato la morte è tutta da chiarire, ma da una prima ricostruzione effettuata dagli inquirenti sembrerebbe che i due ragazzi, che viaggiavano a bordo di una Fiat 600, si trovavano all’altezza del chilometro 194 quando, per cause ancora in via di accertamento, si sono scontrati in modo violentissimo contro un Suv della Bmw.

Un frontale devastante che non ha lasciato scampo ad Alessio Bianco, morto sul colpo a 19 anni. Per lui i soccorsi si sono rivelati inutili. L’amico che viaggiava con lui, il 18enne Giuseppe Putrone, era ancora vivo quando è arrivato sul luogo della tragedia il personale sanitario del 118. (Continua dopo la foto)

Giuseppe è stato estratto dalle lamiere dell’auto dai vigili del fuoco ed è stato stabilizzato sul posto, ma le sue condizioni erano gravissime. Trasportato d’urgenza e in codice rosso all’ospedale di Catanzaro, nonostante i tentativi disperati dei medici per riuscire a salvarlo, è morto poco dopo. Nel frontale è rimasto ferito, ma a quanto si è appreso in modo non grave, anche il conducente del Suv che si è scontrato con la Fiat 600 dove viaggiavano i due giovanissimi. (Continua dopo la foto)

L’impatto tra le due vetture è stato violentissimo. Parti delle auto sono state proiettate a diverse decine di metri dal luogo dello schianto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Sellia Marina e del Comando provinciale di Catanzaro e i carabinieri della Compagnia di Sellia Marina che hanno effettuato i rilievi. (Continua dopo la foto)

La statale 106 è rimasta chiusa a lungo in entrambi i sensi di marcia per poter consentire al personale medico del 118 e ai vigili del fuoco di prestare i soccorsi, al personale dell’Anas per rimuovere i mezzi incidentati dalla carreggiata e ai carabinieri per i rilievi del caso.

Ti potrebbe anche interessare: Nadia Toffa e la morte. Quel che fa sapere la giornalista fa gelare il sangue – IL VIDEO

 

To Top