47 morti, 90 feriti: ma il bilancio è provvisorio. Un’altra esplosione sul lavoro – IL VIDEO – Caffeina


47 morti, 90 feriti: ma il bilancio è provvisorio. Un’altra esplosione sul lavoro


Sale a 47 morti e 90 feriti il bilancio di un’esplosione avvenuta in un impianto chimico a Yancheng, in Cina, nella provincia orientale cinese del Jiangsu per la precisione. Lo riferisce l’emittente televisiva statale cinese, Cctv. Il presidente cinese, Xi Jinping, in queste ore in Italia in visita di Stato, ha chiesto alle forze impegnate nei soccorsi tutti gli sforzi possibili per salvare il maggiore numero di vite umane.

Secondo i dati del Ministero della Gestione delle Emergenze, finora sono state soccorse 88 persone, e i feriti sono stati ricoverati presso l’ospedale di Xiangshui, a circa trecento chilometri a nord di Shanghai. L’esplosione era avvenuta ieri, poco prima delle tre del pomeriggio, ora locale, stessa ora in cui il presidente cinese, Xi Jinping, lasciava la Cina per recarsi in visita in Italia, all’impianto chimico della Tianjiayi: alcune immagini dell’incidente mostravano una palla di fuoco levarsi dalla fabbrica in fiamme, e una colonna di fumo alta decine di metri. Continua dopo la foto

L’esplosione è stata avvertita anche dai sismografi che hanno registrato un terremoto di magnitudo 2,2, che si ritiene imputabile all’incidente. Dopo l’esplosione, secondo dati diffusi nella serata di ieri, sono accorsi sul posto 176 camionette dei vigli del fuoco e oltre novecento pompieri per domare le fiamme. Una tragedia che arriva a stretto giro da quella che si è consumato in Egitto dove almeno dieci persone sono rimaste uccide in un’esplosione in un impianto chimico. Continua dopo la foto

L’agenzia di stampa Reuters, citando le fonti locali, ha detto che altre sette persone sono rimaste ferite a seguito dell’esplosione di una cisterna avvenuta in una fabbrica di fosfati di proprietà militare nel porto di Ain Sokhna, nel governatorato di Suez, a circa 120 chilometri ad est del Cairo. Le forze di protezione civile hanno isolato l’area intorno alla fabbrica e i feriti sono stati portati negli ospedali locali. Continua dopo la foto

L’agenzia di stampa statale Mena ha detto che la cisterna è esploso durante i test. Sono quindici le persone sono state uccise o ferite. Due medici hanno riferito all’agenzia di stampa AFP che almeno dieci corpi sono stati portati in un obitorio a Suez e che le famiglie delle vittime si sono radunate fuori per il riconoscimento.

Ti potrebbe anche interessare: Morte Luke Perry, finalmente parla ‘Brenda’: l’addio al suo ‘Dylan’ spezza il cuore in due – IL VIDEO

 

To Top